Il 21 maggio a Roma, presso lo splendido palazzo Spada, sede del Consiglio di Stato, la classe prima C accompagnata dalla dirigente scolastica professoressa Natalina Ciacio e dai docenti Graziano Fabrizi e Monica Mariani, è stata premiata, unica classe a livello nazionale per la categoria scuole superiori, nell’ambito del concorso Libertà. Solidarietà. Giustizia, promosso dalla presidenza del consiglio di Stato.

Il premio, che ha reso giustamente orgogliosi ed emozionati i ragazzi è stato il riconoscimento di un progetto di cittadinanza durato l’intero anno scolastico, svolto dai due docenti in compresenza ed ha fatto da filo conduttore di tutta la programmazione didattica.

I ragazzi, attraverso approfondimenti e letture di libri, hanno avuto modo sia di acquisire consapevolezza del lavoro svolto dei giudici Falcone e Borsellino nella lotta alla mafia, sia di ragionare sulle “mafie quotidiane” con le quali abbiamo a che fare quotidianamente e che mettono alla prova la nostra capacità di scelta. Dal punto di vista delle competenze hanno lavorato sulla modalità espressiva del video e del videogioco riflettendo su analogie e differenze tra queste forme espressive e quella narrativa letteraria e non.

Il frutto del loro lavoro è stato lo spot: ‘La scomodità’ visibile al link allegato; nell’altro video e nelle foto la documentazione della bella giornata.


Pubblicata il 27 maggio 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.